piastrella da interno / da parete / da pavimento / in metallo
PL01 Invisible per il Museo del Novecento, Firenze Planium

{{requestButtons}}

Caratteristiche

  • Tipo di ambiente:

    da interno

  • Installazione:

    da parete, da pavimento

  • Materiale:

    in metallo

  • Forma e dimensioni:

    rettangolare, 60x120 cm

  • Motivo:

    con motivi naturali

  • Finitura:

    levigata, finitura opaca, finitura lucida, liscia

  • Aspetto:

    aspetto metallo

  • Colore:

    antracite

  • Altre caratteristiche:

    italiana, ad alta resistenza, grande formato, ad alte prestazioni, su misura, sottile, laminata, a click, 100% riciclabile, autoportante, galleggiante

  • Spessore:

    Min.: 7 mm

    Max.: 7 mm

Descrizione

L’acciaio Calamina, materiale scelto dal Museo per la pavimentazione, è stato posato con il sistema PL01 Invisible.

Sono inoltre stati realizzati vari pannelli espositivi, totem e lastre con tagli laser a progetto.

La superficie di oltre 1.000 mq suddivisa in 15 sale, è caratterizzata dai toni profondi, emozionali della Calamina che crea un continuum nel percorso espositivo ed offre un sottofondo scuro su cui risaltano i pezzi dell’ importante collezione museale.

I pavimenti sono realizzati con PL01 Invisible di Planium, sistema reversibile a spessore millimetrico con il quale si possono facilmente posare anche lastre di grande formato, come quelle installate (1.200x600 mm). Il sistema è fornito di agganci angolari per il bloccaggio delle piastrelle e di un sottofondo in gomma riciclata che consente di attenuare i rumori da calpestio, utile quindi in particolar modo in ambienti di grande passaggio come questo.
E' poi stata eseguita l’ingegnerizzazione e la realizzazione di pezzi speciali quali lastre di formato extra (1.200x2.120 mm), pannelli espositivi, totem e rivestimenti. Alcuni particolari, ad esempio le lastre per le “docce sonore” (dispositivi audio che permettono al visitatore di fermarsi in un determinato punto ad ascoltare informazioni e racconti storici), inseriti nel Museo, sono stati lavorati superficialmente con tecnologia laser, secondo disegno.

Committenza: Comune di Firenze - Direzione Servizi Tecnici
Responsabile del Procedimento: Arch. Giorgio Caselli
Allestimenti museografici: Avatar Architettura e dott. Daniele Gualandi
Fotografie: Pietro Savorelli.